Comune di Atri

'Oltre la Violenza': ieri il primo appuntamento

Comune di Atri - Città d\'arte
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
lunedì 24 gennaio 2022
Notizie dal Comune
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » 'Oltre la Violenza': ieri il primo appuntamento
'Oltre la Violenza': ieri il primo appuntamento
Donne
Data di inizio pubblicazione: 23-11-2016

L'Auditorium S.Agostino ha ospitato ieri pomeriggio un convegno dal titolo "Il silenzio degli innocenti: gli effetti della violenza domestica sui figli", primo di tre eventi organizzati nella nostra città dalla CPO (Commissione Pari Opportunità) della Provincia di Teramo in collaborazione con il Comune di Atri, lo Sportello Informagiovani e la ASP n2 e dedicati all'educazione, sensibilizzazione e prevenzione della violenza di genere. E' stato un importante momento di riflessione oltre che un'occasione per presentare i servizi e le tutele offerte alle donne, alle madri e ai minori dalle associazioni del territorio.
Realtori del dibattito sono stati: Cristina Bellocchio, psicologa e piscoterapeuta del Centro antiviolenza "La Fenice", che si è soffermata sul tema della violenza fisica e psicologica sulle donne; Carla Di Febbo, psicologa e psicoterapeuta dell'Associazione "L'Elefante", che ha parlato della violenza assistita e delle sue vittime "invisibili"; Cristina Marcone, mediatore familiare dell'Associazione "L'Elefante", che ha relazionato sulle tutele pratiche che la legge fornisce ad un minore; Domenico Meloni, psicologo e psicoterapeuta della fattoria didattica Rurabilandia, che ha parlato di genitorialità e gestione di rabbia ed emozioni.
Particolarmente toccante, in chiusura di dibattito, è stata la testimonianza di Anna, sorella di Remuccia Di Paolantonio, madre di tre figli e vittima di femminicidio. Durante il convegno i componenti del consiglio comunale atriano hanno effettuato una donazione a favore del Centro antiviolenza "La Fenice" ed al termine i ragazzi di Rurabilandia hanno offerto un rinfresco ai presenti.
In apertura il sindaco Gabriele Astoli e l'assessore alle politiche sociali Giammarco Marcone hanno portato il saluto personale e quello dell'amministrazione comunale di Atri.
"Non posso che complimentarmi in particolare con Chiara Di Nardo Di Maio, consigliera comunale e vice Presidente della CPO della Provincia di Teramo, - ha dichiarato il primo cittadino ducale - ma anche con tutti coloro che, a vario titolo, si sono adoperati per la realizzazione di questa lodevole iniziativa, alla quale abbiamo dato pieno sostegno. E' doversoso per un'amministrazione comunale credere nell'importanza dell'educazione e della sensibilizzazione, specialmente verso le nuove generazioni. Riteniamo fondamentale sostenere ed ampliare il dibattito ed il confronto su queste importanti tematiche, per cercare di superare e combattere il problema della violenza. A questo proposito - ha concluso Astolfi - accogliamo con piacere la richiesta della consigliera Chiara Di Nardo Di Maio di costituire una Commissione Pari Opportunità anche ad Atri e cominceremo a lavorare in tal senso nei prossimi giorni. Sarà sicuramente un valore aggiunto per la nostra città".
"L'incontro di oggi - ha affermato l'assessore Marcone - fa il paio con il workshop che si è tenuto qualche giorno fa al Teatro Comunale, nel quale si parlava della felicità dei bambini intesa come un diritto inalienabile e insostituibile. Esiste un metodo scientifico per arrivare alla felicità. Il tema di cui si parla questa sera è sostanzialmente lo stesso; magari si intraprenderà un percorso diverso, si prenderanno in esame situazioni più drammatiche, ma il concetto è molto simile e riguarda il diritto di queste persone, in questo caso dei minori, ad avere quella serenità che significherà essere, un domani, cittadini migliori, più tranquilli e riflessivi. Purtroppo - ha aggiunto - noto con dispiacere che c'é uno scadimento di questi principi, che portano spesso ad azioni di violenza, in ceri casi inaudita, che soprattutto si verificano in certi contesti familiari. Per questo credo che sia necessario insistere su un lavoro molto attento, volto a recuperare questi valori anche all'interno delle famiglie, partendo dal rispetto, specie nei confronti dei soggetti più deboli. E' un lavoro particolare e molto complesso, ma sono riflessioni che vanno fatte e che ci devono aiutare ad avere una consapevolezza diversa e migliore rispetto a queste situazioni".

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Buoni spesa esaurito
Si comunica che sono terminati i fondi messi a disposizione sottoforma di buoni spesa attraverso le "Misure urgenti di solidarietà alimentare" messe in atto dal Comune ai sensi dell’ordinanza ....
ven 08 mag, 2020
Abruzzo carefamily
Consorzio Up – organismo di formazione aggiudicatario del servizio di erogazione Corso di Formazione per la qualifica di Assistente Familiare previsto dal Progetto Famiglia al Centro – Abruzzo ....
lun 23 set, 2019
Avviso pubblico
RIAPERTURA TERMINI BANDO PUBBLICO PER IL PIANO INTERVENTI REGIONALI PER LA FAMIGLIA. In allegato il bando relativo alla domanda annualità 2018. Scadenza termine 15 ottobre 2019.
lun 16 set, 2019
Bando di Concorso Generale Anno 2019 per l’assegna
Bando di Concorso Generale Anno 2019 per l’assegnazione degli Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica
gio 13 giu, 2019
- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Atri è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.